domenica 28 maggio 2017

DECRETO LEGISLATIVO N. 62 DEL 13 APRILE 2017 NORME VALUTAZIONE E COMPETENZA ESAMI STATO IN VIGORE DAL 31 MAGGIO 2017 PER I PROSSIMI ANNI.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 62 

Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami 

di Stato, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, 

n. 107. (17G00070) (GU Serie Generale n.112 del 16-05-2017 - Suppl. Ordinario n. 23)


note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/05/2017.










 Vi pubblichiamo qui la G,U. tutto il decreto da leggere con attenzione G.U. DECRETO N. 62 DEL 13 APRILE 2017 PUBBLICATO 16 MAGGIO 2017 CLICCA QUI




mercoledì 17 maggio 2017

INVALSI ESAME TERZA MEDIA 2017 CIRCOLARE N. 4757 DEL 2 MAGGIO 2017

Buongiorno.
Vi alleghiamo la circolare MIUR relativa a Invalsi ESAMI TERZA MEDIA, con allegato

http://www.istruzione.it/esame_di_stato/Primo_Ciclo/novita/novita2017.shtml

PER AVERE FORMATO DIGITALE.
Candidati con DSA Per i candidati con DSA che necessitano di una versione informatizzata della prova nazionale non segnalata al momento dell’iscrizione, è possibile farne richiesta all’INVALSI entro il 12 giugno 2017 solo ed esclusivamente attraverso l'area riservata (https://invalsiareaprove.cineca.it/index.php?form=area_riservata) - Accesso Segreteria scolastica - Pulsante formati speciali. La medesima comunicazione deve essere inviata, per conoscenza, anche all’Ufficio scolastico regionale e al competente Ufficio territoriale

QUI PER DSA.

Primo fascicolo (Matematica) - consegna dei fascicoli ad ogni candidato: prestare la massima attenzione nel momento della distribuzione delle prove di matematica affinché studenti vicini non abbiano la stessa tipologia di fascicolo. Infatti, come per i precedenti anni scolastici, sono state predisposte per la prova di matematica cinque versioni differenti (Fascicolo 1, Fascicolo 2, Fascicolo 3, Fascicolo 4, Fascicolo 5) composte dalle stesse domande, ma poste in ordine diverso e/o con le opzioni di risposta permutate in modo differente. La versione della prova è riportata per esteso sulla copertina (ad esempio: Fascicolo 1 oppure Fascicolo 2, ecc.) e da un codice (MAT08F1, MAT08F2, MAT08F3,…) posto in basso (piè di pagina) di ogni facciata interna del fascicolo. Se in seguito alla distribuzione agli allievi dei fascicoli ci si rende conto che due studenti vicini (ossia o del banco a fianco o di quello immediatamente davanti o dietro) hanno la stessa versione di una prova (ad esempio hanno entrambi il fascicolo 3), spostare gli allievi di banco, affinché il problema sia risolto. - invito ai candidati ad apporre, sulla copertina del proprio fascicolo, il proprio nome e cognome a stampatello, nonché la classe di appartenenza. I candidati esterni riportano, nel campo “classe”, la dicitura “candidato esterno”; - invito ad aprire il fascicolo alla prima pagina e a non iniziare la prova finché la commissione non lo consente; - lettura e illustrazione ad alta voce, da parte di uno dei due docenti vigilanti, delle istruzioni per la compilazione riportate nel fascicolo, assicurandosi che i candidati abbiano chiare le modalità di risposta (scelta della risposta corretta tra quattro alternative proposte, risposte a modalità vero/falso per ogni alternativa di risposta, domande a risposta aperta); - invito ai candidati a leggere attentamente i quesiti e ad attenersi alle istruzioni generali riportate nella prima pagina del fascicolo nonché alle indicazioni specifiche di ciascuna domanda; - comunicazione dell’inizio della prova di matematica e del tempo a disposizione di 75 minuti, salvo tempi aggiuntivi per i candidati con DSA o disabilità; - dieci minuti prima della scadenza del tempo informare i candidati del tempo rimanente; - ritiro del fascicolo e pausa di 15 minuti. Secondo fascicolo (Italiano) Vengono seguite le stesse modalità per l’effettuazione della prova di Matematica. - consegna dei fascicoli ad ogni candidato: prestare la massima attenzione nel momento della distribuzione delle prove di italiano affinché studenti vicini non abbiano la stessa tipologia di fascicolo. Infatti, come lo scorso anno scolastico, sono state predisposte per la prova di italiano cinque versioni differenti (Fascicolo 1, Fascicolo 2, Fascicolo 3, Fascicolo 4, Fascicolo 5) composte dalle stesse domande, ma poste in ordine diverso e/o con le opzioni di risposta permutate in modo differente. La versione della prova è riportata per esteso sulla copertina (ad esempio: Fascicolo 1 oppure Fascicolo 2, ecc.) e da un codice (ITA08F1, ITA08F2, ITA08F3,…) posto in basso (piè di pagina) di ogni facciata interna del fascicolo. Se in seguito alla distribuzione agli allievi dei fascicoli ci si rende conto che due studenti vicini (ossia o del banco a fianco o di quello immediatamente davanti o dietro) hanno la stessa versione di una prova (ad esempio hanno entrambi il fascicolo 3), spostare gli allievi di banco, affinché il problema sia risolto. Gli alunni con certificazione di DSA possono sostenere la prova con l’ausilio degli strumenti compensativi utilizzati in corso d’anno e con un tempo aggiuntivo stabilito dalla singola sottocommissione, di norma, di 30 minuti. Gli alunni con disabilità visiva sostengono la prova con l’ausilio delle strumentazioni in uso e con un tempo aggiuntivo stabilito dalla singola sottocommissione, di norma, di 30 minuti. Ove ai candidati che ne hanno titolo e necessità siano assegnati tempi più ampi per rispondere ai quesiti del primo fascicolo (Matematica), agli altri candidati potrà essere, comunque, proposto lo svolgimento relativo al secondo fascicolo (Italiano) dopo il previsto intervallo di 15 minuti.

sabato 6 maggio 2017

INVALSI 2017 ESAMI DI TERZA MEDIA INDICAZIONI

Vi inseriamo qui il link del pdf delle linee riguardo INVALSI ESAMI TERZA MEDIA 2017



Per i candidati con DSA che necessitano di una versione informatizzata della prova nazionale non
segnalata al momento dell’iscrizione, è possibile farne richiesta all’INVALSI entro il 12 giugno 2017
solo ed esclusivamente attraverso l'area riservata (https://invalsiareaprove.cineca.it/index.php?form=area_riservata)
- Accesso Segreteria scolastica - Pulsante
formati speciali.
La medesima comunicazione deve essere inviata, per conoscenza, anche all’Ufficio scolastico
regionale e al competente Ufficio territoriale

Gli alunni con certificazione di DSA possono sostenere la prova con l’ausilio degli strumenti
compensativi utilizzati in corso d’anno e con un tempo aggiuntivo stabilito dalla singola
sottocommissione, di norma, di 30 minuti.
Gli alunni con disabilità visiva sostengono la prova con l’ausilio delle strumentazioni in uso e con
un tempo aggiuntivo stabilito dalla singola sottocommissione, di norma, di 30 minuti.
Ove ai candidati che ne hanno titolo e necessità siano assegnati tempi più ampi per rispondere ai
quesiti del primo fascicolo (Matematica), agli altri candidati potrà essere, comunque, proposto lo svolgimento relativo al secondo fascicolo (Italiano) dopo il previsto intervallo di 15 minuti.

venerdì 5 maggio 2017

ESAMI DIPLOMA A.S.2016/2017 USCITA ORDINANZA N. 257 DEL 04.05.2017

Buongiorno,
Vi postiamo il link riguardo Ordinanza Ministeriale relativa agli esami di stato (5 superiore) anno scolastico 2016/2017

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTA L'ORDINANZA. N. 257 DEL 04.05.2017

Per i DSA Leggete bene art. 23 sono esattamente 4 punti


Art.23 Esame dei candidati con DSA e BES 
1. La Commissione d’esame – sulla base di quanto previsto dall’articolo 10 del D.P.R. n. 122/2009 e dal relativo decreto ministeriale n.5669 del 12 luglio 2011 di attuazione della legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico – nonché dalle Linee Guida allegate al citato decreto ministeriale n. 5669 del 2011, - considerati gli elementi forniti dal consiglio di classe, terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive, adeguatamente certificate, relative ai candidati con disturbi specifici di apprendimento (DSA), in particolare, le modalità didattiche e le forme di valutazione individuate nell’ambito dei percorsi didattici individualizzati e personalizzati. A tal fine il consiglio di classe inserisce nel documento del 15 maggio di cui al D.P.R. n. 323/1998 il Piano Didattico Personalizzato o altra documentazione predisposta ai sensi dell’articolo 5 del decreto ministeriale n. 5669 del 12 luglio 2011. Sulla base di tale documentazione e di tutti gli elementi forniti dal consiglio di classe, le Commissioni predispongono adeguate modalità di svolgimento delle prove scritte e orali. Nello svolgimento delle prove scritte, i candidati possono utilizzare gli strumenti compensativi previsti dal Piano Didattico Personalizzato o da altra documentazione redatta ai sensi dell’articolo 5 del decreto ministeriale 12 luglio 2011. A tali candidati potrà, pertanto, essere consentita la utilizzazione di apparecchiature e strumenti informatici solo nel caso in cui siano già stati impiegati per le verifiche in corso d’anno o comunque siano ritenuti funzionali allo svolgimento dell’esame, senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte. Sarà possibile prevedere alcune particolari attenzioni finalizzate a rendere sereno per tali candidati lo svolgimento dell’esame sia al momento delle prove scritte, sia in fase di colloquio. I candidati possono usufruire di dispositivi per l’ascolto dei testi della prova registrati in formati “mp3”. Per la piena comprensione del testo delle prove scritte, la Commissione può prevedere, in conformità con quanto indicato dal capitolo 4.3.1 delle Linee guida citate, di individuare un proprio componente che possa leggere i testi delle prove scritte. Per i candidati che utilizzano la sintesi vocale, la Commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico. In particolare, si segnala l’opportunità di prevedere tempi più lunghi di quelli ordinari per lo svolgimento della prove scritte, di curare con particolare attenzione la predisposizione della terza prova scritta, con particolare ri- 40 ferimento all’accertamento delle competenze nella lingua straniera, di adottare criteri valutativi attenti soprattutto al contenuto piuttosto che alla forma. Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni di cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore .

2. I candidati con certificazione di Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA), che, ai sensi dell’articolo 6, comma 6, del decreto ministeriale n. 5669 del 12 luglio 2011, hanno seguito un percorso didattico differenziato, con esonero dall’insegnamento della/e lingua/e straniera/e, e che sono stati valutati dal consiglio di classe con l’attribuzione di voti e di un credito scolastico relativi unicamente allo svolgimento di tale piano, possono sostenere prove differenziate, coerenti con il percorso svolto finalizzate solo al rilascio dell'attestazione di cui all'articolo 13 del D.P.R. n. 323/1998. Per detti candidati, il riferimento all’effettuazione delle prove differenziate va indicato solo nella attestazione e non nei tabelloni affissi all’albo dell’istituto. Per la pubblicazione delle prove scritte e la valutazione complessiva delle prove, si rinvia a quanto previsto nel precedente articolo 22.

3. Per quanto riguarda i candidati con certificazione di Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA), che, ai sensi dell’articolo 6, comma 5, del decreto ministeriale n. 5669 del 12 luglio 2011, hanno seguito un percorso didattico ordinario, con la sola dispensa dalle prove scritte ordinarie di lingua/e straniera/e, la Commissione, nel caso in cui la lingua straniera sia oggetto di seconda prova scritta, dovrà sottoporre i candidati medesimi a prova orale sostitutiva della prova scritta. La Commissione, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe, di cui al precedente articolo 6, stabilisce modalità e contenuti della prova orale, che avrà luogo nel giorno destinato allo svolgimento della seconda prova scritta, al termine della stessa, o in un giorno successivo, purché compatibile con la pubblicazione del punteggio delle prove scritte e delle prove orali sostitutive delle prove scritte nelle forme e nei tempi previsti nei precedenti articoli. Il punteggio, in quindicesimi, viene attribuito dall'intera commissione a maggioranza, compreso il presidente, secondo i criteri di conduzione e valutazione previamente stabiliti in apposita o apposite riunioni e con l'osservanza della procedura di cui al precedente articolo 20. Qualora la lingua o le lingue straniere siano coinvolte nella terza prova scritta, gli accertamenti relativi a tali discipline sono effettuati dalla commissione per mezzo di prova orale sostitutiva nel giorno destinato allo svolgimento della terza prova scritta, al termine della stessa, o in un giorno successivo, purché compatibile con la pubblicazione del punteggio delle prove scritte e delle prove orali sostitutive delle prove scritte nelle forme e nei tempi previsti nei precedenti articoli. I risultati della prova orale relativa alla lingua o alle lingue straniere coinvolte nella terza prova scritta sono utilizzati per la definizione del punteggio da attribuire alla terza prova scritta. Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore .

 4. Per altre situazioni di alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES), formalmente individuati dal consiglio di classe, devono essere fornite dal medesimo Organo utili e opportune indicazioni per consentire a tali alunni di sostenere adeguatamente l’esame di Stato. La Commissione d’esame – sulla base di quanto previsto dalla Direttiva 27.12.2012 recante Strumenti di intervento per alunni con Bisogni educativi speciali ed organizzazione scolastica per l’inclusione, dalla circolare ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013 e dalle successive note, di pari oggetto, del 27 giugno 2013 e del 41 22 novembre 2013 - esaminati gli elementi forniti dal consiglio di classe, tiene in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive, relative ai candidati con Bisogni Educativi Speciali (BES). A tal fine il consiglio di classe trasmette alla Commissione d’esame il Piano Didattico Personalizzato. In ogni caso, per tali alunni, non è prevista alcuna misura dispensativa in sede di esame, mentre è possibile concedere strumenti compensativi, in analogia a quanto previsto per alunni e studenti con DSA, solo nel caso in cui siano già stati impiegati per le verifiche in corso d’anno o comunque siano ritenuti funzionali allo svolgimento dell’esame senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte. Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore.

giovedì 4 maggio 2017

SUPERIORI: CREDITI SCOLASTICI RELATIVI ALLA MEDIA D'USCITA DALLA 3,4,5 QUI NUOVE TABELLE DI PUNTEGGIO

MIUR ha pubblicato in questi giorni la nuova tabella per i crediti scolastici di fine anno per le terze superiori, le quarte e le quinte e divise per gli anni 2017/2018 e anche per il 2019 che sarà attiva la nuova riforma dei 40 crediti. (le terze di quest'anno)

http://www.governo.it/sites/governo.it/files/ALLEGATO%20A%20-%20DECRETO%20VALUTAZIONE.pdf


qui per le 3 di adesso che andranno in 5 nel 2019 con la riforma


lunedì 24 aprile 2017

NOTA MIUR INVALSI 2017 PER 2, 5 ELEMENTARE 2 SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Nota sullo svolgimento delle prove INVALSI 2016-2017 per gli allievi con bisogni educativi speciali
La nota si riferisce solo ed esclusivamente alle prove previste per il mese di maggio 2017 (classe II e V scuola primaria, classe II scuola secondaria secondo grado).
Si sottolinea che le prove INVALSI (II e V primaria e II secondaria di secondo grado) non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni, ma al monitoraggio dei livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico, nel suo insieme e nelle sue articolazioni.

sabato 22 aprile 2017

DECRETI ATTUATIVI MIUR RELATIVI ESAMI DI STATO 2018 TERZA MEDIA E ESAME STATO DIPLOMA 2019

Vi alleghiamo qui il pdf dei decreti attuativi relativa alla riforma della scuola, dove è specificato come saranno esami di TERZA MEDIA 2018 e per esami di quinta superiore diploma nel 2019

http://www.istruzione.it/allegati/2017/La_Buona_Scuola_Approfondimenti.pdf


lunedì 10 aprile 2017

MIUR COMUNICATO STAMPA 07 APRILE 2017 SU RIFORMA ESAMI DIPLOMA, ESAMI TERZA MEDIA E BUONA SCUOLA

MIUR IL 07 APRILE 2017 ha comunicato i cambiamenti che ci saranno con la buona scuola.

Vi inseriamo qui link e il riassunto relativo agli esami di stato 2019 ed esami terza media anno scolastico 2017/2018-

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs070417bis


RIASSUMENDO.

ESAMI TERZA MEDIA 2016/2017 
invariato Invalsi che fanno media. Scritti tema, matematica, invalsi ita e mate, scritto lingua straniera inglese, seconda lingua straniera decide la scuola se fare scritto. Esame orale dipende da ogni istituto se fare tesina o fare domande su tutto programma

ESAME TERZA MEDIA 2017/2018

Invalsi verranno somministrati prima degli esami e serviranno per la media d'ammissione
Solo tre scritti e prova orale.




DIPLOMA ANNO SCOLASTICO 2016/2017 uguale agli altri anni

Prima prova tema
Seconda prova a indirizzo
Terza prova quizzone

Orale tesina più domande generali di tutto il programma

Presidente esterno e 3 commissari esterni e 3 commissari interni

Crediti massimo sono 25 dei 3 anni più ogni prova punteggio massimo 15
Orale credito massimo 30

 Commissione può decidere ulteriore 5 bonus. Il tutto per arrivare come voto a 100/100


DIPLOMA ANNO SCOLASTICO 2017/2018 uguale all'anno precedente

Prima prova Italiano (tema, saggi, articoli ecc.)
Seconda prova a indirizzo
Terza prova quizzone

Orale tesina più domande generali di tutto il programma

Presidente esterno e 3 commissari esterni e 3 commissari interni


DIPLOMA ANNO 2018/2019 (le terze superiori di quest'anno anno scolastico 2016/2017)

Cambio calcolo crediti già da quest'anno perciò ci sarà un altra tabella

Crediti massimo diventano 40 punti
Scritti e orale uguali massimo 20 punti

INTRODUZIONE PROVE INVALSI ITA, MATE E INGLESE che verranno somministrati ad aprile della 5 superiore. (per ammissione all'esame)

Scritti solo due

Prima prova Italiano (tema, saggi ecc.)

Seconda Prova a indirizzo

Orale tesina più esposizione alternanza scuola-lavoro.

Presidente esterno 3 Commissari esterni e 3 commissari interni


Valutazione ed Esami di Stato
Nessun cambiamento per gli Esami di Stato di quest’anno. Le novità saranno applicate nel 2018 per l’Esame del primo ciclo e nel 2019 per la Maturità. Alla primaria e alla secondaria di I grado cambia la modalità di valutazione: restano i voti, ma saranno espressione dei livelli di apprendimento raggiunti e saranno affiancati da una specifica certificazione delle competenze. Maggiore peso viene dato alla valutazione delle competenze in ‘Cittadinanza e Costituzione’, che saranno anche oggetto di colloquio anche all’Esame di Maturità. Sono alcune delle novità previste dal decreto su valutazione ed Esami di Stato.

La valutazione nel primo ciclo: il tema dell’ammissione alla classe successiva diventa parte di un processo più ampio di presa in carico delle studentesse e degli studenti. Le attività svolte nell’ambito della disciplina trasversale ‘Cittadinanza e Costituzione’ diventano oggetto di valutazione.

Alla primaria varrà la normativa vigente: la non ammissione è prevista solo in casi eccezionali e con decisione unanime dei docenti della classe. Ma con una novità: viene esplicitato che l’ammissione è prevista anche in caso di livelli di apprendimento “parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione”. Le scuole dovranno attivare, anche questa è una novità, specifiche strategie di miglioramento per sostenere il raggiungimento dei necessari livelli di apprendimento da parte degli alunni e delle alunne più deboli. Per una scuola più inclusiva e capace di non lasciare solo chi resta indietro

Nella secondaria di I grado resta ferma la necessità di frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale per poter essere ammesse o ammessi alla classe successiva. Anche alla secondaria di I grado, a differenza di quanto avviene oggi, in un’ottica di maggiore trasparenza dei voti e in linea con le esperienza di molti Paesi europei, si può essere ammessi o ammesse alla classe successiva e all’Esame finale in caso di mancata acquisizione dei necessari livelli di apprendimento in una o più discipline. In questo caso, come per la primaria, le scuole dovranno attivare percorsi di supporto per colmare le lacune. Alla fine del I ciclo viene rilasciata una apposita certificazione delle competenze oggi già sperimentata da oltre 3.000 istituzioni scolastiche.

Esame del I ciclo. Tre scritti e un colloquio saranno le prove previste alla fine della classe terza della secondaria di I grado. Oggi le prove sono cinque più il colloquio. L’Esame viene riequilibrato e si torna a dare più valore al percorso scolastico rispetto al peso delle prove finali. Sono previste: una prova di italiano, una di matematica, una prova sulle lingue straniere, un colloquio per accertare le competenze trasversali, comprese quelle di cittadinanza. Il test Invalsi (la prova nazionale standardizzata) resta, ma si svolgerà nel corso dell’anno scolastico, non più durante l’Esame. 

Esame del II ciclo. Due prove scritte e un colloquio orale. Questo il nuovo Esame. Oggi le prove scritte sono tre più il colloquio. Lo svolgimento delle attività di alternanza Scuola-Lavoro diventa requisito di ammissione, insieme allo svolgimento della Prova nazionale Invalsi. Si viene ammessi e ammesse all’Esame con tutti sei. Fatta salva la possibilità per il Consiglio di classe di ammettere, con adeguata motivazione, chi ha un voto inferiore a sei in una disciplina (o in un gruppo di discipline che insieme esprimono un voto). L’ammissione con una insufficienza incide sul credito finale con cui si accede all’Esame. Questo non vale per il voto legato al comportamento: chi ha l’insufficienza non viene ammessa o ammesso. 

L’Esame sarà composto da: prima prova scritta nazionale che accerterà la padronanza della lingua italiana, seconda prova scritta nazionale su una o più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, colloquio orale che accerterà il conseguimento delle competenze raggiunte, la capacità argomentativa e critica del candidato, l’esposizione delle attività svolte in alternanza. L’esito dell’Esame oggi è espresso in centesimi: fino a 25 punti per il credito scolastico, fino a 15 per ciascuna delle tre prove scritte, fino a 30 per il colloquio. Con il decreto il voto finale resta in centesimi, ma si dà maggior peso al percorso fatto nell’ultimo triennio: il credito scolastico incide fino a 40 punti, le 2 prove scritte incidono fino a 20 punti ciascuna, il colloquio fino a 20 punti. La Commissione resta quella attuale: un Presidente esterno più tre commissari interni e tre commissari esterni. La prova Invalsi viene introdotta in quinta per italiano, matematica e inglese, ma si svolgerà in un periodo diverso dall’Esame.

Le novità per le prove Invalsi: si introduce una prova di inglese standardizzata al termine sia della primaria sia della secondaria di I e II grado per certificare, in convenzione con enti certificatori accreditati, le abilità di comprensione e uso della lingua inglese in linea con il Quadro Comune di Riferimento Europeo per le lingue. Nelle classi finali della secondaria di I e II grado la prova Invalsi è requisito per l’ammissione all’Esame, ma non influisce sul voto finale.

venerdì 31 marzo 2017

29 marzo 2017 INCONTRO DI 7 ASSOCIAZIONI CON MIUR PER CHIARIRE ALCUNI PUNTI LEGGE 170

MIUR IL 29 MARZO 2017 INCONTRO CON 7 ASSOCIAZIONI PER DSA. QUI RESOCONTO. Coordinamento Associazioni DSA "Tutti Per Uno" ha aggiunto 7 nuove foto — con Alessandra Magli e altre 10 persone.
7 ore fa ·
REPORT INCONTRO CON MINISTERO DELL'ISTRUZIONE 29 MARZO 2017
Il Coordinamento Associazioni DSA "Tutti per Uno" composto dalle scriventi sette Associazioni di volontari presenti sul territorio nazionale (nord – centro – sud), a seguito di convocazione ufficiale, è stato ricevuto dal Sottosegretario di Stato Dott. Vito De Filippo, dal Direttore Generale per l'Ordinamento Scolastico Dott.ssa Carmela Palumbo, dall’Avv. Mariachiara Montemurro Caposegreteria del Sottosegretario, Docente Comandato al MIUR Prof. Giacomo Tizzanini, per affrontare il diffuso problema della mancata applicazione nelle scuole della legge 170/2010 e le ulteriori problematiche annesse.
In un colloquio durato 90 minuti, il MIUR ha ascoltato, con attenzione e interesse, i Presidenti delle Associazioni e alcuni volontari che hanno descritto le criticità, rappresentato le istanze e avanzato proposte di seguito riportate:
CRITICITA’: 1) inottemperanza della Legge 170/2010; 2) disinformazione dei dirigenti scolastici e docenti sulla normativa; 3) PDP disattesi utilizzati come unico strumento a tutela della scuola e non a favore degli alunni; 4) preclusione e discriminazione per gli alunni con D.S.A alle scuole secondarie di secondo grado.; 5) sottostima delle verifiche scritte (causa utilizzo strumenti compensativi ritenuti come vantaggio); 6) danni emotivi e abbandono scolastico; 7) libri digitali (PDF aperto), scolastici e universitari, limitati ad una ristretta fascia di studenti e non forniti dalle case editrici; 8) domande FAQ MIUR con valore ufficiale.
PETIZIONI: 1) “Libri digitali pari opportunità di studio per tutti gli studenti” (allegate firme); 2) “Richiesta utilizzo degli strumeni compensativi e dispensativi per i test di ammissione universitari per studenti con D.S.A.” (allegate firme); “Stop alla non formazione sui DSA” (allegate firme).
PROPOSTE: 1) Formazione obbligatoria con crediti formativi; 2) didattica inclusiva e informatizzata; 3) provvedimenti/sanzioni in caso di inadempienza; 4) test ammissione Università: utilizzo di tutti gli strumenti compensativi e misure dispensative adottati durante il percorso scolastico; 5) libri digitali, scolastici e universitari, per tutti gli studenti.
RISPOSTE DEL MINISTERO: i Dirigenti del MIUR nel preso atto e accolti i nostri pareri, hanno invitato il Coordinamento a formulare dettagliate proposte per il raggiungimento dei nostri scopi.
Il Coordinamento “Tutti per Uno” ha aperto con il MIUR un dialogo di confronto, ora sta a TUTTI i genitori essere coesi e lottare per i diritti non solo dei propri figli, ma per quelli di tutti i ragazzi con D.S.A., per i nipoti dislessici che verranno e per salvaguardare l’immagine delle persone dislessiche!
Sarà nostra cura aggiornarvi sui futuri sviluppi.
Il Coordinamento “Tutti per Uno”
- Ass.ne Beautiful Mind - Poggibonsi (Siena)
Presidente Serena Giolli
- Ass.ne D.S.A. – Dislessia, un limite da superare - (Napoli)
Presidente Titti Gaeta
- Ass.ne DI.RE.FA.RE. - (Verona)
Presidente Micaela Trusso
- Ass.ne Harahel - (Messina)
Presidente Gino Pistone
- Ass.ne L’Orto del sapere - Novi Ligure (AL)
Presidente Paola Casagrande
- Ass.ne Relessica -(Bologna)
Presidente Valérie Gavoli
- Ass.ne S.O.S. Dislessia Alta Val di Cecina - Pomarance (Pisa)
Presidente Mariana Briganti

venerdì 17 marzo 2017

DISLESSIA-PASSODOPOPASSO SITO ENTRA NEL PORTALE SCUOLAITALIA 4 ALL

Oggi ci hanno comunicato che il sito DISLESSIA-PASSODOPOPASSO è entrato nel portale SCUOLAITALIA4ALL il portale per studenti, famiglie e genitori.


Scuola.Italia4all.it è un portale che aggrega i migliori blog e siti con giochi didattici gratuiti, categorizzati per disciplina e per livello scolastico.
Il portale si pone come primario obiettivo quello di diventare un vero e proprio punto di riferimento per studenti, insegnanti, genitori e famiglie che sono alla continua ricerca di risorse, contenuti, attività e giochi didattici di qualità, disponibili online gratuitamente.
Dato che i destinatari del portale sono studenti, insegnanti e ovviamente genitori abbiamo pensato di inserire anche blog che riguardano la famiglia.
Siamo lieti di informarla che dopo una lunga ricerca di siti di qualità abbiamo ritenuto il suo blog un'ottima risorsa per chiunque cerchi informazioni sugli argomenti trattati nel portale pertanto abbiamo creato una pagina dedicata al suo sito. Con 96 stelle di gradimento su 100.


Grazie a tutti.


martedì 14 febbraio 2017

SABATO 18 FEBBRAIO 2017 ORE 15,00 INCONTRO MENSILE E PRESENTAZIONE VACANZA STUDIO DSA A CHICHISTER

Ricordiamo:

SABATO 18 FEBBRAIO ORE 15,00 PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI ALBAIRATE

Incontro gratuito per confrontarsi tra genitori, ragazzi docenti.

Inoltre presentazione vacanza studio a Chichister luglio 2017 per ragazzi dsa dai 13 anni fino ai 18 anni.


mercoledì 8 febbraio 2017

6° CONVEGNO SUI DSA SABATO 11 FEBBRAIO 2017 DALLE 8,30 PRESSO IIS CARAMUEL-RONCALLI VIGEVANO

Per chi vuole partecipare al 6° convegno sui dsa presso IIS CARAMUEL-RONCAGLI Vigevano dovete fare iscrizione gratuita inviare via fax,

Vi postiamo qui modulo e anche programma della giornata



lunedì 30 gennaio 2017

DIPLOMA 2017 USCITE OGGI MATERIE SECONDA PROVA SCRITTA E MATERIE COMMISSARI ESTERNI


Qui alcune materie divise

LICEO CLASSICO: LATINO
LICEO SCIENTIFICO: MATEMATICA.
LINGUISTICO: INGLESE.
LICEO SCIENZE UMANE: PSICOLOGIA, PEDAGOGIA, SOCIOLOGIA ANTROPOLOGIA
ISTITUTI TECNICI
ECONOMIA AZIENDALE: FINANZA E MARKETING
COSTRUZIONE AMBIENTE: TOPOGRAFIA
ISTITUTI PROFESSIONALI
ALBERGHIERO: SCIENZA E CULTURA DELL'ALIMENTAZIONE
SERVIZI COMMERCIALI: TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI


Qui gli altri indirizzi e le materie

QUI LE MATERIE DEI COMMISSARI ESTERNI DIVISI

CLICCATE E SCEGLIETE IL TIPO DI SCUOLA POI DATE CONFERMA E USCIRANNO LA MATERIE ESTERNE

domenica 15 gennaio 2017

14.01.2017 APPROVATO NOVITA' ' PER ESAMI NEL 2018 DI TERZA MEDIA E PER DIPLOMA

Ecco le novità per le scuole esami terza media e diploma nel 2018-
NOVITA' SCUOLA APPROVATE IERI. PER ESAMI TERZA MEDIA 2018 E DIPLOMA 2018.

2018 ESAMI TERZA MEDIA
Riassumento esami terza media dal 2018 non più invalsi a fare media, ma durante l'anno.. Riduzione degli esami scritti. (non dice quali e come) e come presidente della commissione sarà il dirigente.

2018 DIPLOMA QUINTA SUPERIORE :

ABOLIZIONE TERZO SCRITTO (PROVA QUIZZONE)
Introduzione esami invalsi italiano e matematica prima degli esami durante l'anno per influenzare voto finale.
COMMISSIONE: uguale 3 commissari esterni e presidente esterno

VOTO IN CENTESIMI.

- Prima prova scritta nazionale di italiano (voto massimo 20 punti)
- Seconda prova scritta nazionale di indirizzo (voto massimo 20 punti)
- Colloquio orale (voto massimo 20 punti)
- Credito Scolastico (punteggio massimo 40 punti)
- Commissione mista: tre membri interni e tre esterni più il presidente
Al quinto anno arriva la Prova Invalsi su italiano, matematica e inglese. Si svolgerà in un periodo diverso dall'esame, costituirà un requisito per l'ammissione all'esame ma non confluirà nel voto finale: l'esito infatti sarà riportato allegato insieme al diploma.


PERCIO' DA QUELLO CHE HO CAPITO I CREDITI PARTO DALLA PRIMA SUPERIORE.

http://www.skuola.net/maturita/maturita-2017-novita-buona-scuola.html