mercoledì 29 dicembre 2010

Modalità per richiedere contributo per acquisto strumenti tecnologicamente avanzati Regione Lombardia

Sono state pubblicate le modalità per richiedere i contributi per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati. del 2010.
Il termine di consegna è il 14.02.2011

Informazioni al link: qui

ASL1 MI SPIEGAZIONI E MODULI DA SCARICARE

ASL MI SPIEGAZIONI E MODULI

ASL2 MI MODULI

ASL PAVIA

ASL VARESE

ASL BERGAMO

ASL BRESCIA

SONDRIO

giovedì 23 dicembre 2010

NUOVI QUADERNI DEL MELOGRANO

SIAMO LIETI DI INFORMARVI CHE FINALMENTE SONO STATI PUBBLICATI I NUOVI
QUADERNI
FRANCESE E LATINO
TROVATE TUTTE LE INDICAZIONI
IL MELOGRANO

RAI UNO IL 23.12.2010 ORE 8,40 INTERVISTA AL PROF. STELLA E A LUCA GRANDI

CIAO,
PER CHI NON E' RIUSCITO A VEDERE QUESTA MATTINA L'INTERVISTA SU RAI UNO ALLE ORE 8,40
DEL PROF. STELLA E DI LUCA GRANDE
POTETE RIVEDERLA
CLICCANDO QUI
BUONA VISIONE

giovedì 16 dicembre 2010

ARTICOLO SOLE 24 ORE SULLA LEGGE DELLA DISLESSIA

CIAO INSERISCO L'ARTICOLO USCITO IN QUESTI GIORNI DEL SOLE 24 ORE RIGUARDO LA LEGGE SULLA DISLESSIA.
BUONA LETTURA

sabato 11 dicembre 2010

VIDEO PROF. STELLA SULL'USO DEGLI STRUMENTI COMPENSATIVI

CIAO,
VI SEGNALO QUESTO VIDEO MOLTO UTILE PER GENITORI E SOPRATTUTTO PER INSEGNANTI SULL'USO DEGLI STRUMENTI COMPENSATIVI.
CLICCA QUI PER IL VIDEO

BUONA VISIONE.

mercoledì 8 dicembre 2010

CONVEGNO DIS-LEGGE VIDEO E UN BREVE RIASSUNTO

Ciao,
per problemi di server hanno cambiato il link del video del convegno DIS LEGGE.
Ecco il nuovo link
CLICCA QUI VIDEO
Inoltre lo troverete nella sezione video dislessia.

Qui sotto un breve riassunto di chi è stato a Roma

DISLEGGE Prospettive Applicative della Legge sui DSA, promosso dall’AID in merito alla legge 8 ottobre 2010 n.170 in data 4 Dicembre 2010,
Il Dottor Ghidoni, membro del Comitato problematiche sociali AID ha parlato del processo formativo della legge (in allegato) i cui punti sintetici sono:
- l'individuazione precoce / sospetto di dsa (in attesa di protocolli regionali per questa parte) e alla consensus conference del 6-7 dicembre 2010 Roma;
- in caso di persistenza delle difficoltà la scuola DEVE segnalare alla famiglia per invio e redazione diagnosi;
- supporto didattico e personalizzazione didattica per il successo scolastico .
L’AID si sta impegnando su più fronti attraverso la propria presenza capillare sul territorio, attraverso interventi istituzionali, tecnici e attraverso le sedi territoriali con genitori, dislessici adulti, specialisti, tecnici e insegnanti. Siamo in attesa delle linee guida.
In questo periodo di transizione l’Avvocato Antonio Lupo (in allegato troverete anche il suo intervento), per quanto concerne le diagnosi, consiglia di
- recarsi al SSN;
- se il servizio SSN non da tempestivamente un appuntamento farsi consegnare una carta che dichiari i tempi lunghi del SSN;
- di presentare la diagnosi privata a scuola con una autocertificazione da parte del genitore (con allegata carta d’identità) dove dichiara che in riferimento all’articolo 3 della legge 170 data l’impossibilità di riprodurre con tempestività una diagnosi dal SSN in attesa si protocolla e consegna una diagnosi dello specialista privato.
L’AID a livello nazionale si impegna a sensibilizzare le istituzioni per risolvere con il buon senso questa problematica.

COMMENTO LEGGE PROF. GHIDONI PDF
SPUNTI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE AVV. LUPO

martedì 7 dicembre 2010

ANALISI LOGICA UN SISTEMA PRATICO DA MARIA MONTESSORI

Semplice e molto pratico questo sistema per l'analisi logica. Pensate che è stato ideato Da Maria Montessori alla fine dell'800, ha dell'incredibile quanto sia attuale e d'aiuto per i bambini DSA.

venerdì 3 dicembre 2010

ERICKSONLIVE

La bella notizia è che all'interno del sito della Erickson è possibile scaricare (non si sa fino a quando...) l'intero libro in formato PDF.
Occorre prima registrarsi gratuitamente a http://www.ericksonlive.it/register/
poi entrare nella sezione http://www.ericksonlive.it/
e cliccare direttamente sull'icona di http://www.ericksonlive.it/catalogo/lettura-e-scrittura/avviamento/facile-facile/
TROVATE ALTRI LIBRI DA SCARICARE.
APPRENDERE LA LETTURA FACILE FACILE ERICKSON ORA E’ GRATUITO SI PUO’ SCARICARE

lunedì 1 novembre 2010

martedì 19 ottobre 2010

E' LEGGE N. 170 DEL 08.10.10 ENTRERA' IN VIGORE DAL 02.11.10

Nuove norme in materia di dissturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico
gazzetta ufficiale n.244 del 18/10/2010
entrera' in vigore il 2 novembre 2010

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

QUI LA LEGGE:
Art. 1 - Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia

1. La presente legge riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati "DSA", che si manifestano in presenza di capacita' cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attivita' della vita quotidiana.

2. Ai fini della presente legge, si intende per dislessia un disturbo specifico che si manifesta con una difficolta' nell'imparare a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidita' della lettura.

3. Ai fini della presente legge, si intende per disgrafia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficolta' nella realizzazione grafica.

4. Ai fini della presente legge, si intende per disortografia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficolta' nei processi linguistici di transcodifica.

5. Ai fini della presente legge, si intende per discalculia un disturbo specifico che si manifesta con una difficolta' negli automatismi del calcolo e dell'elaborazione dei numeri.

6. La dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia possono sussistere separatamente o insieme.

7. Nell'interpretazione delle definizioni di cui ai commi da 2 a 5, si tiene conto dell'evoluzione delle conoscenze scientifiche in materia.


Art. 2 - Finalita'

1. La presente legge persegue, per le persone con DSA, le seguenti finalita':
a) garantire il diritto all'istruzione;
b) favorire il successo scolastico, anche attraverso misure didattiche di supporto, garantire una formazione adeguata e promuovere lo sviluppo delle potenzialita';
c) ridurre i disagi relazionali ed emozionali;
d) adottare forme di verifica e di valutazione adeguate alle necessita' formative degli studenti;
e) preparare gli insegnanti e sensibilizzare i genitori nei confronti delle problematiche legate ai DSA;
f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;
g) incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante il percorso di istruzione e di formazione;
h) assicurare eguali opportunita' di sviluppo delle capacita' in ambito sociale e professionale.


Art. 3 - Diagnosi

1. La diagnosi dei DSA e' effettuata nell'ambito dei trattamenti specialistici gia' assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed e' comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nell'ambito dei trattamenti specialistici erogati dal Servizio sanitario nazionale possono prevedere, nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o strutture accreditate.

2. Per gli studenti che, nonostante adeguate attivita' di recupero didattico mirato, presentano persistenti difficolta', la scuola trasmette apposita comunicazione alla famiglia.

3. E' compito delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell'infanzia, attivare, previa apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei ad individuare i casi sospetti di DSA degli studenti, sulla base dei protocolli regionali di cui all'articolo 7, comma 1. L'esito di tali attivita' non costituisce, comunque, una diagnosi di DSA.


Art. 4 - Formazione nella scuola

1. Per gli anni 2010 e 2011, nell'ambito dei programmi di formazione del personale docente e dirigenziale delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell'infanzia, e' assicurata un'adeguata preparazione riguardo alle problematiche relative ai DSA, finalizzata ad acquisire la competenza per individuarne precocemente i segnali e la conseguente capacita' di applicare strategie didattiche, metodologiche e valutative adeguate.

2. Per le finalita' di cui al comma 1 e' autorizzata una spesa pari a un milione di euro per ciascuno degli anni 2010 e 2011. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente utilizzo del Fondo di riserva per le autorizzazioni di spesa delle leggi permanenti di natura corrente iscritto nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, come determinato, dalla Tabella C allegata alla legge 23 dicembre 2009, n. 191.


Art. 5 - Misure educative e didattiche di supporto

1. Gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilita' didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari.

2. Agli studenti con DSA le istituzioni scolastiche, a valere sulle risorse specifiche e disponibili a legislazione vigente iscritte nello stato di previsione del Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, garantiscono:
a) l'uso di una didattica individualizzata e personalizzata, con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei soggetti, quali il bilinguismo, adottando una metodologia e una strategia educativa adeguate;
b) l'introduzione di strumenti compensativi, compresi i mezzi di apprendimento alternativi e le tecnologie informatiche, nonche' misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini della qualita' dei concetti da apprendere;
c) per l'insegnamento delle lingue straniere, l'uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento, prevedendo anche, ove risulti utile, la possibilita' dell'esonero.

3. Le misure di cui al comma 2 devono essere sottoposte periodicamente a monitoraggio per valutarne l'efficacia e il raggiungimento degli obiettivi.

4. Agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione scolastica e universitaria, adeguate forme di verifica e di valutazione, anche per quanto concerne gli esami di Stato e di ammissione all'universita' nonche' gli esami universitari.


Art. 6 - Misure per i familiari

1. I familiari fino al primo grado di studenti del primo ciclo dell'istruzione con DSA impegnati nell'assistenza alle attivita' scolastiche a casa hanno diritto di usufruire di orari di lavoro flessibili.

2. Le modalita' di esercizio del diritto di cui al comma 1 sono determinate dai contratti collettivi nazionali di lavoro dei comparti interessati e non devono comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.


Art. 7 - Disposizioni di attuazione

1. Con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, di concerto con il Ministro della salute, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, si provvede, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad emanare linee guida per la predisposizione di protocolli regionali, da stipulare entro i successivi sei mesi, per le attivita' di identificazione precoce di cui all'articolo 3, comma 3.

2. Il Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con proprio decreto, individua le modalita' di formazione dei docenti e dei dirigenti di cui all'articolo 4, le misure educative e didattiche di supporto di cui all'articolo 5, comma 2, nonche' le forme di verifica e di valutazione finalizzate ad attuare quanto previsto dall'articolo 5, comma 4.

3. Con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, da adottare entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, e' istituito presso il Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca un Comitato tecnico-scientifico, composto da esperti di comprovata competenza sui DSA. Il Comitato ha compiti istruttori in ordine alle funzioni che la presente legge attribuisce al Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca. Ai componenti del Comitato non spetta alcun compenso. Agli eventuali rimborsi di spese si provvede nel limite delle risorse allo scopo disponibili a legislazione vigente iscritte nello stato di previsione del Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca.


Art. 8 - Competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome

1. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano, in conformita' ai rispettivi statuti e alle relative norme di attuazione nonche' alle disposizioni del titolo V della parte seconda della Costituzione.

2. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano provvedono a dare attuazione alle disposizioni della legge stessa.


Art. 9 - Clausola di invarianza finanziaria

1. Fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 2, dall'attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.


La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.

Data a Roma, addi' 8 ottobre 2010

NAPOLITANO
Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

Visto, il Guardasigilli: Alfano

ARTICOLO TUTTO SCUOLA

CLICCA QUI PER VEDERLO

lunedì 18 ottobre 2010

17.10.10 TG.1. ORE 13,00 LEGGE NAZIONALE DISLESSIA

IL SERVIZIO DEL TG1 E' ANDATA IN ONDA OGGI 17.10.10 ORE 13,00
PER CHI VUOLE VEDERE I VIDEO DEGLI INTERVENTI VI INSERISCO QUI IL LINK:

ROSABIANCA LEO PRESIDENTE AID NAZIONALE COMUNICATO PROF. STELLA

PROF. CRISTIANO TERMINE NEUROPSICHIATRA INFANTILE

TESTIMONIANZA DI UN RAGAZZO DISLESSICO (GIACOMO CUTRERA)

MARA LENTINI INSEGNANTE E GENITORE FIGLIO DISLESSICO

SCARICARE LEGGE CON TUTTI GLI ARTICOLI

AGGIUNGO ARTICOLO SEMPRE RIGUARDO ALLA LEGGE
FAMIGLIA CRISTIANA
clicca qui

mercoledì 29 settembre 2010

29.09.10 0RE 15,58 APPROVATA LEGGE NAZIONALE PER LA DISLESSIA

CIAO A TUTTI.
SONO LIETA DI INFORMARVI CHE OGGI E' STATA APPROVATA LA LEGGE NAZIONALE PER LA DISLESSIA. DOPO DIECI ANNI. È FINALMENTE LEGGE DELLO STATO.

QUI L'AI

AID FORNISCE IL TESTO DI LEGGE E COMMENTO DELLA PRESIDENTE
CLICCA QUI

ARTICOLI:
IL GIORNALE
clicca qui
IL SOLE 24 OREclicca qui
GIORNALE DI VARESEclicca qui

lunedì 27 settembre 2010

INFO AID MELEGNANO APERTURA IL 6 OTTOBRE 2010

Melegnano – DSA: dislessia, disortografia, discalculia, disgrafia; sono disturbi di origine neurobiologica a fronte di normali abilità sociali e cognitive, ed hanno un’incidenza epidemiologica di circa il 4-5% della popolazione scolastica. Conoscerli e comprenderli significa affrontarli in maniera adeguata. L'AID, l'Associazione Italiana Dislessia, opera da tredici anni in Italia e da circa nove a Milano, per combattere queste difficoltà, cooperando con le Istituzioni e con i Servizi che si occupano dello sviluppo e dell’educazione dei bambini.

Con l’obiettivo di offrire un presidio nell’area sud milanese a tutti coloro che sono interessati al tema dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), anche a seguito della grande partecipazione della cittadinanza ai due recenti incontri divulgativi sulla dislessia tenuti dal Dott. Enrico Profumo, componente del Comitato Tecnico Nazionale dell’Associazione Italiana Dislessia (AID), un gruppo di genitori ha dato vita all’ “InfoAID Melegnano” per conoscersi, scambiarsi informazioni ed esperienze.

Gli incontri – aperti a tutti - di InfoAID Melegnano si terranno OGNI PRIMO MERCOLEDI’ DEL MESE dalle ore 20:30 alle 22:30 a partire dal 6 Ottobre 2010, presso: Piazzale delle Associazioni, 1 Melegnano.

infoaidmelegnano@gmail.com
www.aidlombardia.it (sito in allestimento)
www.dislessia.it (sito nazionale)

L’AID ringrazia l’Assessorato alle Politiche Educative e alla Biblioteca di Melegnano nella persona dell’Assessore Raffaela Caputo che, oltre al patrocinio e alla partecipazione ai due eventi dei mesi scorsi, conferma la sua attenzione alle iniziative in tema di DSA mettendo a disposizione i necessari spazi per gli incontri.

Gli altri InfoAID attivi nella Provincia di Milano si trovano a:
Buccinasco - infoaidbuccinasco@gmail.com
Bussero/Cernusco sul Naviglio - infoaidcernusco@gmail.com
Nerviano/Parabiago - infoaidnervianoparabiago@gmail.com
Paderno Dugnano - infoaidpaderno@gmail.com
Rescaldina - infoaidrescaldina@gmail.com

Melegnano, 1 Settembre 2010

sabato 18 settembre 2010

AUDIOLIBRI GRATISI TRAMITE QUESTO SITO WWW.SKYBOOK.IT

CIAO A TUTTI,
SONO LIETA DI INFORMARVI CHE ESISTE UN NUOVO SITO DOVE POTETE SCARICARE GLI AUDIOLIBRI DI NARRATIVA, FIABE.
SONO DEI LIBRI DI NUOVI AUTORI.
DOVETE CLICCARE SU http://www.skybook.it
LI' POTETE VEDERE QUALI LIBRI DI FAVOLE E DI NARRATIVA ESISTONO.
INOLTRE SE SIETE AUTORI POTETE MANDARE I VOSTRI LAVORI.
PER SCARICARLI DOVETE ISCRIVERVI ANDATE SU LOGOUT VI COMPARERA' LA SCHERMATA AMICI NUOVI AMICI ANDATE SU NUOVI AMICI COMPILATE.
VI ARRIVERA' VIA EMIL LA CONFERMA.
POTETE SCARICARE ENTRO 7 GIORNI.
POTETE SALVARE NEL VOSTRO PC COSI' POTETE ASCOLTARE E VEDERLI QUANDO VOLETE.
RINGRAZIO IL SIG. FRANCESCO PER AVVERCI SEGNALATO QUESTA INIZIATIVA
COMPLIMENTI!!!!

giovedì 16 settembre 2010

FILMATO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

VI INSERISCO QUESTO VIDEO CREATO DAL DOTT. DANIELE ZANONI PER SPIEGARE CHE COS'E' LA DSA
VIDEO

lunedì 6 settembre 2010

INIZIO ANNO SCOLASTICO - COME PROCEDERE E COSA FARE

ECCO L'ELENCO PER AGEVOLARE L'ORGANIZZAZIONE COSI' POTETE STAMPARLO E ADATTARLO ALLE VOSTRE ESIGENZE

A casa e a scuola

1) Controllare di aver fatto tutti i compiti delle vacanze.
2) Controllare se hanno dato le insegnanti la lista delle cose da comprare e se abbiamo preso tutto (es. matite particolari, compassi ecc.)
3) Se la scuola non dà già il diario. Cercare di comprare un diario dove ci sia abbastanza spazio per scrivere i compiti. Quando arriva l’orario scolastico definitivo scrivere nelle settimane successive le materie in rosso lasciando spazio tra una e l’altra in modo che il ragazzo possa scrivere e non fare confusione quando dicono segnate per la settimana prossima
4) Controllare tutti i cd dei libri digitali, se sono arrivati dalla Biblioaid,se ci sono tutti gli allegati come il libro.
I libri scolastici facendo richiesta si possono avere anche in formato digitale si deve comunque aver acquistato i libri cartacei.
Per la richiesta di libri digitali questo è il sito http://www.biblioaid.it
Fate richiesta vi invieranno poi password e utente in modo da potrete accedere alla lista delle case editrici e dei relativi titoli di libri.
Verranno inviati a casa.
Questo serve per poter usare un sintetizzatore vocale (balbolka gratuito oppure Carlo II a pagamento se lo avete dell'Anastasis)
Se non sapete come fare a scaricare un sintetizzatore vocale (trovate anche qui nel blog sotto sintetizzatore vocale) con € 7,00 in più potete richiedere direttamente un cd alla biblioaid dove hanno inserito alcuni programmi per dislessici gratuiti 5) Se manca qualche titolo o casa editrice in quanto non risulta nella lista dei libri della BIBLIOAID controllare quale è la casa editrice contattarla mandando una email, aspettare qualche giorno se no telefonare.
6) Riordinare il pc, eliminando tutti i file che non centrano, caricare dizionari digitali delle varie lingue.
7) Creare cartelle per ogni materia suddivise tra studio, scritto.
8) Quelle dell’anno precedente metterle in una cartelletta a parte in modo da poter rivedere se ha bisogno di ripassare qualcosa.
9) Caricare o modificare il programma per registrare i voti, in modo da avere già la media per ogni materia. (questo programma è gratuito e lo potete trovare direttamente nel blog cercate nell'etichette AIUTO ALLO STUDIO)
10) Se si ha quaderni fatti da noi con gli aiuti sistemarlo esempio può essere il “Quadernino di Milli di italiano o matematica” oppure il libro
Del Melograno ci sono anche:
ATLANTE DI GEOMETRIA(un libricino con tutte le formule di geometria)
SPAGNOLO IN REGOLE (grammatica ecc. di spagnolo)
I LOVE ENGLISH 1 (inglese per elementari e inizio medie)
Dislessia: strumenti compensativiA cura della Associazione Italiana Dislessia
11) Far ripassare il tutto per le verifiche di rientro tramite giochi on line.
12) Controllare gli argomenti che tratteranno durante l’anno, in modo da preparare schemi.
13) Organizzarsi per ogni giorno. Su come aiutarli nell’organizzazione dei compiti. Tipo creare un foglio xls con giorni dove si inseriranno le materie e dividere lo studio dallo scritto.
14) Creare sempre un foglio xls con le materie in colori diverse in modo che possa preparare lo zaino di scuola da solo.
15) Per chi è disgrafico usa i quaderni Erickson ed è in prima media. Può durante le vacanze prepararli così eliminare le graffette, tagliarli mettere lo scoth e bucarli inserirli nei quaderni ad anelli. Lo scotch fa in modo che non si strappino, questo fa sentire i ragazzi come gli altri e non diversi perchè avranno i quaderni come gli altri.
Per capire di cosa si tratta andate nel blog su DISGRAFIA

QUESTI PUNTI SONO COSA FARE CON LA SCUOLA:
16) Prevediamo delle new entry tra i prof, quindi preparare la solita documentazione (circolari, copie diagnosi e relative dispense utili da far avere a scuola ai novelli arrivati) chiedere al piu' presto un colloquio.
Protocollare in segreteria la diagnosi se non si è già fatta (ricordarsi di avere una recente quando si cambia istituto scolastico oppure quando nell'anno scolastico si deve affrontare gli esami di stato = esami terza media e diploma)
18)Richiedere con una lettera i documenti amministrativi e i verbali interclasse (esempi di lettera li trovate in DIAMOCI UNA MANO opuscolo da scaricare qui nel blog)
19)Richiedere ai professori di compilare il PEP (PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO) Gli insegnanti o professori devono compilare per ogni materia e specificare che tipo di strumento compensativo daranno al ragazzo durante l'anno scolastico. Una volta che sarà compilato vi daranno una copia se no richiedetela.
L'originale sarà inserita nella cartella personale del ragazzo insieme alla diagnosi protocollata.
Importante che gli strumenti compensativi siano utilizzati durante l'anno scolastico.
20) Per chi come percepisce l'indennita' di frequenza, con la riapertura della scuola occorre richiedere in segreteria il certificato di frequenza e trasmetterlo all'Inps, insieme al foglio se frequenta un centro di logopedia,se no è sufficiente il certifica di frequenza della scuola.

QUESTI PUNTI DELLA SCUOLA SONO IMPORTANTI in caso che ci siano problemi durante l'anno tra rapporti genitori, alunni, insegnanti e in vista degli esami in modo che il presidente delle commissione d'esame sappia e venga visualizzata la cartella personalizzata del ragazzo e che il ragazzo possa usare gli strumenti compensativi che ha adoperato durante l'anno.
In caso di bocciatura e ricorso al tar (senza protocollare la diagnosi e senza richiedere i propri diritti non si potrà in nessun modo avere i propri diritti)

martedì 31 agosto 2010

SEDE AID MONZA APERTURA 11 SETTEMBRE 2010




ISCRIZIONE CORSO GENITORI PER DSA:

domenica 29 agosto 2010

LAZIO: RICORSO AL TAR PER RAGAZZO DISLESSICO BOCCIATO

IERI AL TG 5 HANNO DATO LA NOTIZIA DI UN RICORSO AL TAR DEL LAZIO PER UN RAGAZZO DELLE SUPERIORI BOCCIATO PERCHE' AVEVA ALCUNE MATERIE INSUFFICIENTI. IL TAR LO HA RIAMMESSO PERCHE' I PROFESSORI NON HANNO TENUTO CONTO DELLA DISLESSIA.
POTETE RIVEDERE IL SERVIZIO QUI
http://www.video.mediaset.it/video/tg5/servizio/179020/studente-dislessico-e-vietato-bocciarlo.html

giovedì 29 luglio 2010

ASSOC. RICREAZIONE APERTE ISCRIZIONE AIUTO COMPITI 2 POMERIGGI A MILANO

ISTITUTO SAN GAETANO OPERA DON GUANELLA DI MILANO CON ASSOC. RI-CREAZIONE CAMPUS INFORMATICO A SETTEMBRE

UN'INIEZIONE DI ENERGIA E DI FIDUCIA DA PARTE DEL CANTANTE MIKA

ALCUNI RAGAZZI DELL'AID DI PODERNONE SONO ANDATI AL CONCERTO DI MIKA (CANTANTE DISLESSICO) LO HANNO INCONTRATO
VI INCOLLO L'ARTICOLO.

Questo è quello che Mika ha lasciato ai ragazzi dislessici, come lui, che mercoledì 7 luglio hanno assistito al suo concerto a Villa Manin di Passariano, sotto la scritta “We are new dyslexic generation”.

“Non abbassate lo striscione!” ha detto loro dal palco.


L'energia di Mika, la sua genialità, il suo estro, la sua simpatia e semplicità, hanno saputo coinvolgere tutti in uno spettacolo entusiasmante, non solo visto ma vissuto insieme a lui.

E a fine concerto si è intrattenuto con i ragazzi del gruppo AID di Pordenone per qualche minuto, incoraggiandoli, dicendo loro che anche se la dislessia rende difficile la scuola si può avere successo nella vita (lui ne è la prova).

Poi si è infilato tra loro, come fosse un amico da sempre, per una foto sotto quello stesso striscione, sollevato quasi con orgoglio.

Un'emozione grandissima per questi ragazzi che porteranno le sue parole nel cuore per sempre.

GRAZIE MIKA!!! e grazie al personale dello Staff che ha permesso questo incontro.


QUI PER VEDERE LA FOTO

martedì 27 luglio 2010

600 FIRME: APPELLO PER APPROVAZIONE IMMEDIATA DELLA LEGGE SU DISLESSIA E DSA LETTERA APERTA AL SENATO DELLA REPUBBLICA

Legge su dislessia e DSA: appello per l’approvazione della legge
Dopo 10 anni di lunga attesa è stata recentemente approvata alla Camera, all’unanimità, la legge di tutela degli studenti con DSA – Disturbi Specifici di Apprendimento quali dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia – ora al vaglio del Senato per l’approvazione definitiva.
Per tutti i genitori di bambini e ragazzi dislessici/DSA è un importante traguardo, preannunciato dall’approvazione negli ultimi anni di numerose leggi regionali volte a colmare il vuoto legislativo nazionale. Ma non possiamo ancora esultare. Per l’approvazione definitiva il Senato deve convalidarne le numerose modifiche. E se non lo facesse? Basterebbe anche una sola virgola per rimettere tutto in discussione e riprendere il rimpallo parlamentare, anche all’infinito. Funziona così in Italia, a meno che non ci sia il traino di forti interessi economici. Ma di mezzo, in questo caso, c’è qualcosa di ben più importante, dal valore inestimabile: c’è il futuro di tanti bambini e ragazzi intelligenti che non riescono a leggere, scrivere ed operare con i numeri con la stessa naturalezza dei loro compagni. Per apprendere e mettere in campo tutte le loro capacità hanno solo bisogno di modalità didattiche diverse, capaci di bypassare le difficoltà strumentali. Spesso invece, incompresi, tacciati di stupidità e pigrizia, derisi dai compagni e lasciati ai margini, perdono ogni motivazione allo studio e scivolano nell’insuccesso scolastico che ben presto si riversa negativamente in ambito personale, sociale e relazionale.
Attendiamo quanto prima l’approvazione definitiva di questa legge che riconosce non solo la particolarità dei bisogni formativi ed educativi degli studenti dislessici/DSA, ma anche la necessità di una diagnosi precoce, il diritto all’utilizzo degli strumenti compensativi e ad una didattica flessibile mirata alle esigenze di questi ragazzi. Molti di essi, nel frattempo, sono o stanno diventando adulti, con un vissuto scolastico penalizzante, privo di adeguata tutela.
Allora invitiamo i senatori, che stanno discutendo il testo di legge, ad ascoltare le nostre storie che parlano di sofferenze, di battaglie quotidiane, di abbandoni scolastici, di traumi familiari, di vite spezzate… Venite a conoscere i nostri figli: capirete le loro reali difficoltà, la loro incredibile fatica, il loro massimo impegno…capirete quanto pesante è il carico emotivo e quanto impegno è richiesto alla famiglia per seguirli nelle attività scolastiche. E soprattutto vi stupirete nello scoprire quali incredibili risorse posseggono e quanto sono intelligenti, intuitivi, sensibili, creativi ed addirittura geniali. Vi accorgerete anche che con la comprensione delle loro difficoltà e con l’aiuto di strumenti didattici adeguati sono studenti in grado di seguire il percorso di apprendimento spesso anche meglio dei loro compagni.
Quello che i tanti genitori ora chiedono è un rapido passaggio al Senato, senza intoppi e senza riserve, nonostante i limiti e le carenze di una legge che, dopo 10 anni di discussioni, avrebbe potuto essere decisamente migliore. Ma la posta in gioco è troppo importante: è il destino di tanti bambini e ragazzi intelligenti e troppo spesso incompresi. Non lasciate che diventino adulti in un mondo a loro così crudelmente ostile. Approvate la legge, subito!

FIRMATARI Ad oggi (26/7/10) ed in soli pochissimi giorni, le firme sono già 600
(visibili su
http://www.facebook.com/topic.php?topic=18587&uid=456803020023&ref=mf -
per firmare clicca in alto a destra su “Rispondi”)

PUBBLICATO ANCHE:
SU RETE SCUOLE
CLICCA RETE SCUOLA
IL GIORNO DEL 27 LUGLIO 2010
TRIBUNA TREVISO DEL 27 LUGLIO 2010

domenica 18 luglio 2010

STELLE SULLA TERRA

CIAO A TUTTI.
SABATO 17 LUGLIO 2010 ORE 21,00 E' STATO TRASMESSO IL FILM STELLE SULLA TERRA.
Il film drammatico di Bollywood, con Darsheel Safary e Aamir Khan, ha ottenuto l’interesse di 2.394.000 spettatori, pari a uno share del 18,26%, vincendo la serata televisiva.
Speriamo che la RAI dopo questi ascolti possa riproporlo questo inverno.
Grazie a tutti per aver fatto passa parola.

mercoledì 7 luglio 2010

ATTENZIONE! SABATO 17 LUGLIO 2010 SU RAI 1 ORE 21,00 VERRA' TRASMESSO UN FILM INDIANO STELLE SULLA TERRA (TAARE ZAMEEN PAR)


Ciao
non perderteViil film

Stelle sulla Terra (Taare Zameen Par)

Sabato 17 luglio 2010 in prima serata (alle 21.15 circa) su RAI UNO verrà trasmesso il film

Stelle sulla terra - taare zameen par

Film che racconta del piccolo Ishaan Awasthi ha grossi problemi con gli insegnanti e con i genitori: sia a casa sia a scuola tende ad isolarsi in un mondo tutto suo, fino a diventare scontroso. La famiglia decide quindi di mandarlo in un collegio. Lì incontra l’insegnate d’arte Ram Shankar Nikumbh, convinto che ogni bambino sia speciale. Il maestro deciderà di aiutarlo a superare i suoi problemi.

Dall'attore produttore di _Lagaan_, una storia colorata e delicata che sa arrivare al cuore. Sebbene con qualche lungaggine di troppo (per i nostri occhi non bollywoodiani) il mondo dei bambini viene raccontato con quel pizzico di dramma in grado di rendere toccante l'intera vicenda anche agli occhi più cinici.

lunedì 5 luglio 2010

TRASMISSIONE RAI TV SABATO 03.07.10 NON SOLO SULLA DISLESSIA MA ANCHE SULLA PROPOSTA DELLA LEGGE NAZIONALE

CIAO A TUTTI
VI INSERISCO IL LINK DOVE POTETE RIVEDERE LA TRASMISSIONE TRASMESSA SABATO MATTINA PRESTO TRAMITA RAI.
CLICCA QUI PER VEDERE

mercoledì 9 giugno 2010

9 GIUGNO 2010 ORE 15,00 APPROVATA LEGGE NAZIONALE DISLESSIA DALLA CAMERA E ORA ASPETTIAMO IL SENATO

CIAO
FINALMENTE POSSO DARVI LA NOTIZIA DI OGGI
ORE 15,00 HANNO APPROVATO LA LEGGE NAZIONALE PER LA DISLESSIA APPROVATA ALLE ORE 15 ALLA CAMERA!!!
Ora passa in Senato, ma lì dovrebbe essere approvata rapidamente

NOTIZIA UFFICIALE ASCA CLICCA QUI
ERA ORA ASPETTIAMO L'ULTIMO PASSAGGIO PER FESTEGGIARE

QUI PER LEGGERE E SCARICARE LA LEGGE CON LE ULTIME MODIFICHE FATTEQUI PER VEDERE LA LEGGE CON LE MODIFICHE DELLA CAMERA

sabato 29 maggio 2010

LIBRI DIGITALI - CAMBIATO SITO DIVENTATO WWW.LIBROAID.IT

L' Associazione vi comunica che il servizio di Biblioteca Digitale continua nella sua attività come precedentemente avviata;

vi comunichiamo che il servizio era stato sospeso per motivi tecnici e che lo stesso ripartirà con la prospettiva di migliorare ulteriormente la qualità del servizio rendendolo più semplice e accessibile all'utente.

Il nuovo sito per richiedere i libri è il seguente: www.libroaid.it

Tel 051-6311685 email: libroaid@dislessia.it

Qualora foste stati contattati da altre strutture che offrono lo stesso servizio, vi informiamo che queste NON SONO STATE AUTORIZZATE A FARLO IN NOME E PER CONTO DELL' ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA.

il responsabile pro-tempore della Biblioteca digitale AID
Prof. Giacomo Stella

LiberoVideo - Video presenti in questa mail
Caricamento ...
Si è verificato un errore contattando il server. Riprovare più tardi.

venerdì 21 maggio 2010

NORMATIVA N. 49 DEL 20.05.2010 PER ESAMI TERZA MEDIA

CIAO VI COPIO IL LINK DOVE POTETE SCARICARE TUTTA LA NORMATIVA PER ESAMI DI TERZA MEDIA DEL 2010
CLICCA QUI

domenica 16 maggio 2010

PROVA INVALSI LETTERA DA PARTE DELL'AID

Bologna, 09/05/2010
Alla cortese attenzione
Organismi
Presidenti e Delegati Provinciali
Coordinatori Regionali
Soci
Dell’ Associazione Italiana Dislessia.

Oggetto: INVALSI, problematiche per studenti DSA relative alla prove di
rilevazione 2009-2010, azioni intraprese, posizione dell’INVALSI e prospettive.

In seguito alla nota del 15/04/2010 dell’INVALSI nella quale si dichiara che nelle prove di rilevazione (II°, V° primaria e I° secondaria di primo grado) “gli alunni con DSA partecipano nelle stesse condizioni degli altri”, quindi senza strumenti compensativi, nè tempi aggiuntivi;
‐ in data 18/04/2010 viene inviata al Presidente dell’INVALSI una lettera di contestazione sul contenuto della nota in merito alla ricaduta negativa sugli alunni DSA in termini emotivi e di autostima nel sostenere le prove senza l’ausilio dei supporti usuali , previsti dalla normativa e indicati nel Piano Didattico Personalizzato;
‐ in data 27/04/2010 il Presidente dell’INVALSI risponde spiegando le motivazioni della nota INVALSI che riferisce essere legate alla “necessità della standardizzazione della rilevazione e delle condizioni di somministrazione nelle classi dove sono presenti allievi con DSA, in assenza delle quali la comparazione con le classi dove, questi non sono presenti, sarebbe impossibile ”. Nella stessa lettera si ribadisce che “le prove di rilevazione hanno come solo e unico scopo quello di monitorare i livelli di apprendimento conseguiti dal sistema educativo e non hanno come obiettivo la valutazione finale di ciascun alunno”.
‐ In data 05/05/2010 l’Associazione esprime il suo dissenso alle conclusioni
INVALSI ribadendo il disagio dell’alunno DSA nella “esecuzione delle prove, poiché vi deve partecipare con uno “svantaggio” di partenza, data l’impossibilità di utilizzare le misure compensative normalmente adottate nel lavoro quotidiano a scuola e, come tali, accettate da tutto il contestoclasse”. Inoltre si rimarca la presenza di elementi discriminativi nella nota INVALSI sugli alunni disabili, nella quale si legge “Gli alunni ipovedenti o non vedenti partecipano alle prove nelle stesse condizioni degli altri (i fascicoli loro destinati sono stampati con caratteri ingranditi o sono in scrittura Braille)”. “Anche questi – si fa notare - sono strumenti compensativi atti a far superare una difficoltà”. E si annota infine che “ancora una volta gli alunni con DSA fanno fatica a veder riconosciuta la loro differenza!” Nella lettera infine si invita l’INVALSI “ad una ulteriore riflessione su questi aspetti per ridurre gli impatti negativi su una popolazione scolastica, già di per sé debole nell’affrontare nel quotidiano l’ apprendimento” e si conclude
comunicando che l’Associazione AID “si fa carico del disagio e del malessere degli alunni con DSA i cui genitori intendono ufficializzare la loro protesta non inviando i figli a scuola in occasione delle prove di rilevazione 2009-2010, giustificandone l’assenza con la motivazione: “assente per diritti negati : prove INVALSI ”.
‐ Il giorno 06/05/2010, a seguito della suddetta lettera e delle interviste
rilasciate a diverse testate giornalistiche da parte dell’ A.I.D. nonché per la
risonanza (giornali, radio, tv) della protesta attivata dai genitori di figli con
DSA, il dott. Cipollone, Presidente dell’INVALSI, riunisce d’urgenza per un intero pomeriggio i suoi collaboratori per trovare una repentina soluzione e contatta telefonicamente la Presidente A.I.D. Rosa Bianca Leo e successivamente la Presidente del Comitato Scuola Luciana Ventriglia. Da parte dell’Associazione si ribadisce che è inaccettabile la difficoltà “imposta”, nella quale si trovano gli studenti DSA nell'eseguire la prova senza strumenti usuali,e si fa notare che l'ingranaggio delle
procedure di somministrazione non hanno tenuto conto che dietro ai numeri e alla statistiche c'erano bambini e ragazzi: persone che, per apprendere, affrontano ogni giorno estremi disagi e senso di inadeguatezza. Il dott. Cipollone, pur comprendendo le ragioni della posizione dell’A.I.D, esprime l’impossibilità attuale di poter modificare, con adattamenti del protocollo di somministrazione, lo svolgimento
delle prove in corso per il 2009-2010, ma manifesta la disponibilità ad aprire un confronto ed un dialogo con la nostra Associazione in vista del prossimo anno scolastico, ufficializzando questa posizione di apertura con una comunicazione “ad hoc” pubblicata sul sito INVALSI in data 07/05/2010.
Questi, allo stato attuale, i fatti e lo scambio di vedute che vengono divulgate
per opportuna conoscenza dei soci.
L’Associazione, pur non essendo riuscita a far eliminare la nota incriminata
dell’INVALSI del 15/04/2010, individua elementi di positività :
1. i “media” hanno dato visibilità alla necessità di uso degli strumenti
compensativi e dispensativi che nella didattica quotidiana trovano spesso
disattenzione.
2. Si è aperto un tavolo di confronto con l'Invalsi “per studiare i possibili
adattamenti del protocollo di somministrazione in vista delle prove del prossimo anno scolastico in modo che esse si possano svolgere nella massima serenità per tutti gli studenti”.
3. Si apre una finestra collaborativa con questo Ente di Ricerca per l’acquisizione di dati e esperienze di rilevazione che possono essere di utilità all’azione della nostra Associazione.

Si approfitta di questa comunicazione per chiarire altri elementi riguardanti le
prove INVALSI per il corrente anno scolastico :
1. il 17 giugno 2010 verranno effettuate le prove INVALSI di valutazione (non “di rilevazione” come quelle che vengono effettuale in maggio) che consistono in una prova scritta a carattere nazionale introdotta dalla legge del 25 ottobre 2007 n. 176. L’obiettivo principale di questa prova, predisposta dall'INVALSI, è l'accertamento dei livelli generali e specifici di apprendimento in italiano e in matematica degli studenti italiani a conclusione del primo ciclo di istruzione ( III° anno di scuola secondaria di I° grado). È una prova che verrà valutata e il voto contribuisce
alla valutazione finale di ogni alunno. In questa occasione “gli alunni con diagnosi specialistica di dislessia sosterranno la prova con l'ausilio degli strumenti compensativi impiegati durante l'anno scolastico (tabelle, tavola pitagorica, calcolatrice, registratore, computer con programmi di video-scrittura con
correttore ortografico e sintesi vocale...), oltre all'assegnazione di maggior tempo per lo svolgimento della prova stabilito dalla commissione (di norma 20minuti)”(INVALSI: Somministrazione per particolari tipologie di alunni).
2. L’INVALSI, secondo quanto stabilito dalla normativa vigente, interviene
anche sugli esami di Stato di fine secondo ciclo della scuola secondaria di secondo grado, supportando le scuole e le commissioni di esame con attività di monitoraggio e di assistenza gestite attraverso l'Osservatorio Nazionale sugli Esami di Stato;provvedendo alla raccolta e alla diffusione di terze prove attraverso la realizzazione dell'Archivio Terze Prove online; provvedendo alla valutazione delle conoscenze e delle abilità degli studenti in uscita dalla scuola secondaria superiore, utilizzando le Prove Scritte degli esami di Stato secondo criteri e
modalità coerenti con quelli applicati a livello internazionale per garantirne la comparabilità.
3. Quest’anno “L’INVALSI - in attuazione dell’art. 3 della legge 10 dicembre 1997 n. 425, così come modificato dall’art. 1 della legge 11 gennaio 2007, n. 1, in cui è previsto che “l’Istituto provvede altresì alla valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti a conclusione dell’istruzione secondaria superiore, utilizzando le prove scritte degli esami di Stato secondo criteri e modalità coerenti con quelli applicati a livello internazionale per garantirne la comparabilità”- procederà alla definizione di un apposito campione di candidati, selezionando le istituzioni scolastiche interessate, alle quali verrà inviato il materiale di supporto alla rilevazione. I presidenti delle commissioni nei cui
elenchi sono presenti i candidati campionati provvederanno, pertanto, a far fotocopiare, con modalità tali da renderli anonimi, gli elaborati della prima prova scritta e quelli della seconda prova scritta di matematica per gli indirizzi nei quali essa è prevista.
Per ogni candidato campionato dovranno, inoltre, essere compilate le relative schede informative, predisposte dall’INVALSI. Tali schede, unitamente alle copie degli elaborati della prima e seconda prova dei candidati campionati e a una copia dei testi delle terze prove somministrate agli stessi, saranno inviate all’INVALSI, con modalità e tempi che verranno successivamente comunicati, in forma scritta, al dirigente scolastico dell’Istituto stesso.
La scelta di richiedere l’invio delle terze prove somministrate ai soli studenti campionati costituisce un elemento di novità rispetto agli anni precedenti nei quali tali prove sono state richieste per tutti gli studenti.”
Da quanto sopra si invitano i soci a riflettere su quanto sia importante instaurare un confronto e una collaborazione con INVALSI che, per conto del M.I.U.R. svolge il ruolo di valutatore esterno della scuola, e, come tale, è un valido e qualificato interlocutore per l’azione che l’associazione svolge a difesa delle caratteristiche di apprendimento degli studenti con DSA.
Il Presidente Comitato Scuola A.I.D. Il Presidente A.I.D.
Luciana Ventriglia Rosa Bianca Leo

giovedì 13 maggio 2010

ESAMI STATO NORMATIVE DEL MAGGIO 2010

CIAO A TUTTI
VI INFORMO CHE CI SONO GIA' LE NORMATIVE RELATIVE AGLI ESAMI DI STATO DEL 2010
POTETE SCARICARLE QUI
NORMATIVA N. 44 DEL 05.05.2010
ESAMI DI STATO PER ALUNNI CON DSA

venerdì 7 maggio 2010

ARTICOLO CORRIERE SERA PROVE INVALSI

giovedì 4 marzo 2010

firmato Protocollo d’Intesa MIUR, Fondazione Telecom, AID

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA, FONDAZIONE
TELECOM ITALIA E ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA: FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA
PER RICONOSCERE E COMBATTERE LA DISLESSIA NELLE SCUOLE ITALIANE
L’accordo prevede la realizzazione di due progetti operativi “Non è mai troppo presto” per il
riconoscimento precoce della dislessia e “A scuola di dislessia” per la formazione specifica degli
insegnanti
L’intesa odierna si inquadra in un più ampio programma di interventi già avviato da Fondazione
Telecom Italia e Associazione Italiana Dislessia nel 2009 per la durata di tre anni scolastici e un
investimento, da parte di Fondazione Telecom Italia, pari a 1,5 milioni di euro.

:
CLICCATE qui trovate il testo del comunicato stampa

mercoledì 10 febbraio 2010

IL 9 FEBBRAIO 2010 APPROVATA LEGGE REGIONALE NEL VENETO

VENETO: CONSIGLIO, SI' A INTERVENTI PER DISTURBI APPRENDIMENTO


(ASCA) - Venezia, 9 feb - Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all'unanimita' la legge per prevenire e curare i disturbi specifici dell'apprendimento, come la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculi'a. La legge, illustrata in aula da Guido Trento (Pd), dota i distretti socio-sanitari delle Ulss di personale qualificato per diagnosticare e curare i disturbi specifici dell'apprendimento, valorizza il centro di riferimento regionale attivo presso l'Azienda ospedaliera di Verona come centro di coordinamento della rete distrettuale, affidandogli anche compiti di sperimentazione clinico-assistenziali, ricerca e di studi pilota nel trattamento di tali disturbi.

''I disturbi specifici dell'apprendimento (difficolta' ad imparare a leggere, a scrivere e a fare calcoli) interessano il 4 per cento della popolazione scolastica - ha spiegato Guido Trento - e, se non diagnosticati per tempo, creano gravissimi problemi nei bambini e nei ragazzi, provocandone, nonostante la loro intelligenza sia perfettamente normale, il fallimento scolastico e gravi conseguenze patologiche sul piano psicologico, sui rapporti familiari e nel contesto sociale. Per questo e' fondamentale intervenire con una diagnosi precoce, che puo' avvenire solo attraverso una stretta collaborazione tra strutture socio-sanitarie, insegnanti e famiglie, e con l'avvio tempestivo di percorsi riabilitativi''. La legge assicura pari opportunita' nei concorsi pubblici regionali alle persone che dimostrino, con certificazione medica, di essere affette da questo tipo di disturbi in modo da poter utilizzare strumenti compensativi o tempi aggiuntivi nell'espletamento delle prove.

giovedì 4 febbraio 2010

INGHILTERRA VACANZA STUDIO 2010 PER RAGAZZI DSA SUPERIORI

VISTO IL SUCCESSO DELL'ANNO SCORSO SONO LIETA DI INFORMARVI CHE ANCHE QUEST'ANNO VERRA' PROPOSTO LA VACANZA STUDIO IN INGHILTERRA PER RAGAZZI DSA DELLE SCUOLE SUPERIORI.
PER CHI VUOLE SAPERNE DI PIU' POTRA' MANDARCI UNA EMAIL E NOI LA GIREREMO DIRETTAMENTE ALLA PROF.SA PAOLA FANTONI L'ORGANIZZATRICE DEL PROGETTO.
PROBABILMENTE POI FAREMO UN INCONTRO VERSO APRILE PER SPIEGARE A CHI E' INTERESSATO MEGLIO TUTTE LE INFORMAZIONI A RIGUARDO.
INTANTO VI ALLEGHIAMO I VOLANTINI NUOVI.


lunedì 1 febbraio 2010

TORINO A NICHELINO 5 FEBBRAIO INAUGURAZIONE PUNTO INFO IN BIBLIOTECA CIVICA NICHELINO "GIOVANNI ARPINO"

IL 5 FEBBRAIO 2010 ORE 18,00 CI SARA' L'INAUGURAZIONE DEL PUNTO INFO PRESSO LA BIBLIOTECA CIVICA DI NICHELINO "GIOVANNI ARPINO"
VIA TURATI 8 NICHELINO
ALL'INAUGURAZIONE VERRA' PROIETTATO IL FILMATO
"QUANDO IMPARARE A LEGGERE E' UNA STRADA IN SALITA"

venerdì 29 gennaio 2010

ECCO IL TESTO DELLA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA

CIAO ECCO CHE E' STATO MESSO IL TESTO APPROVATO DELLA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA POTETE SCARICARLO QUI

martedì 26 gennaio 2010

LEGGE REGIONALE LOMBARDIA PER DSA APPROVATA

Dislessia, Prina (PD) “Approvata una legge che mette in relazione scuola, sanità e famiglia per combattere seriamente i disturbi dell’apprendimento”

All’unanimità, il Consiglio regionale ha approvato la legge “Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa)”, di cui è stato relatore in Aula dal presidente della Commissione “Sanità e assistenza sociale”, Pietro Macconi (An-Pdl).
Frutto dell’abbinamento di tre distinte proposte di iniziativa consiliare (sia di maggioranza che di opposizione), il provvedimento ha lo scopo di garantire la presenza di soggetti affetti da dislessia, disortografia e discalculia nella scuola, nel lavoro e “in ogni altro contesto nel quale si sviluppi e si realizzi la persona”.
“Effettuare una diagnosi di Dsa con tempestività – ha sottolineato Macconi – è un fattore decisivo per il futuro del paziente. Ma è altrettanto evidente che trattandosi di un disturbo specifico dell’apprendimento è molto difficile da diagnosticare. Per questo motivo – ha spiegato – servono figure specialistiche adeguatamente formate, per evitare che il problema venga sottovalutato o individuato in ritardo. La legge nasce quindi dalla necessità di dare un quadro normativo entro cui i vari soggetti coinvolti (dalla scuola alla famiglia, dalle strutture sanitarie ai concorsi pubblici) possono predisporre idonei percorsi formativi, di assistenza, di integrazione nel mondo del lavoro”.
Tra le finalità che la legge si prefigge quelle di promuovere la diagnosi precoce dei Dsa in stretta collaborazione con strutture sanitarie e istituzioni scolastiche pubbliche e private, famiglie e associazionismo; di promuovere specifiche iniziative per la riabilitazione e l’integrazione; di effettuare campagne mirate di informazione e sensibilizzazione sulle problematiche della malattia soprattutto in scuole, tra operatori sanitari e sociali, in nuclei familiari interessati.
La norma prevede inoltre che per i soggetti affetti da Disturbi specifici di apprendimento la Regione garantisca pari opportunità sia nei bandi di concorso che durante le prove concorsuali anche mediante l’utilizzo di adeguati strumenti tecnologici.
Entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge verranno definiti i criteri e le modalità di erogazione dei contributi alle famiglie per favorire specifici percorsi didattici e studi sia a domicilio che nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado (pubbliche e private).
Nel dibattito e in dichiarazione di voto sono intervenuti i consiglieri Francesco Prina (Pd), Stefano Zamponi (Idv), Alessandro Cè (Cristiani e Federalisti), Maria Grazia Fabrizio (Centro-Sinistra per la Lombardia), Stefano Galli (Lega Nord), Margherita Peroni (Fi-Pdl), Sveva Dalmasso (Per la Lombardia-Pdl), Carlo Saffioti (Fi-Pdl).

giovedì 21 gennaio 2010

AUDIOLIBRI BIBLIOTECA ABBIATEGRASSO FONDAZIONE PER LEGGERE

Presso la Biblioteca Civica “Romeo Brambilla” di Abbiategrasso è possibile anche ascoltare i libri, oltre che leggerli: infatti, grazie alla convenzione sottoscritta nel giugno 2009 dalla Fondazione per Leggere con l’Associazione Libro Parlato Lions, è disponibile un ampio catalogo di audiolibri riservati all'utenza con problemi nella lettura autonoma (non vedenti, ipovedenti e dislessici).

Le persone interessate possono rivolgersi direttamente al personale della biblioteca, aperta al pubblico
lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19,
mercoledì e sabato dalle 14 alle 19, tel. 02-94692454.

Dopo essersi iscritti al servizio, presentando una copia del certificato medico che attesta la patologia, gli utenti saranno in grado accedere al sito www.libroparlatolions.it per scaricare in autonomia i titoli scelti, oppure potranno sempre contare sul supporto del personale della biblioteca, che ha ricevuto un’apposita formazione per trasferire l’audiolibro sul lettore portatile (dell’utente o dato in prestito), e orientare nella scelta tra le letture. Attualmente sono disponibili per gli utenti quattro lettori mp3, di cui tre donati dal Lions Club di Abbiategrasso e uno dall’associazione Libro Parlato Lions.

L’iniziativa “Libro Parlato Lions” è nata nel 1975 per iniziativa del "Lions Club Verbania": l’obiettivo era diffondere tra i non vedenti i libri come veicoli indispensabili di informazione e formazione, di diffusione del pensiero e d’evasione. Questo progetto si integrava con la stampa in Braille, accessibile a pochi, e con la "Nastrobiblioteca" dell’Unione Italiana Ciechi di Roma, costituita da "audiolibri" registrati su grosse bobine. I Lions per primi hanno perfezionato questo metodo di registrazione passando alle più pratiche ed economiche audiocassette. Oggi lo scopo specifico è promuovere la "buona lettura" e la cultura tra i non vedenti e tra tutti coloro che hanno difficoltà di lettura autonoma tramite la distribuzione, gratuita ed in prestito, di libri registrati su CD e in formato mp3.

Il progetto è finanziato dai contributi liberali di associazioni, fondazioni, enti e dalle elargizioni di sostenitori particolarmente sensibili e generosi; inoltre il personale delle diverse sedi è composto per la maggior parte da volontari.

Altre informazioni sull’iniziativa sono disponibili sul sito libroparlatolions

AUDIOLIBRI BIBLIOTECA ALBAIRATE PER TUTTI I 54 COMUNI COLLEGATI CON LA FONDAZIONE PER LEGGERE

Ciao a tutti.
Quest'anno abbiamo ampliato nella biblioteca comunale di Albairate l'acquisto di alcuni audiolibri per medie e superiori.
Nella biblioteca di Albairate si possono prendere come un qualsiasi cd in prestito senza dover portare nessuna diagnosi.
Inserisco i titoli

CDMP3/DOPPIO - Antologia della Letteratura Italiana
CD Audio - Dante Alighieri e la letteratura italiana del XIII secolo
CD Audio - Giovanni Boccaccio:Decameron (novelle scelte )
CD Audio - Poemi epici del Rinascimento : Ludovico Ariosto e Torquato Tasso
CD Audio - Giacomo Leopardi : Opere scelte
CD MP3 - La Coscienza di Zeno di Italo Svevo
CDMP3/DOPPIO - I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni
CD Audio - Le Citta’ Invisibili (riduzione) di Italo Calvino
CD Audio - La martora, La volpe, La cerbiatta di Grazia Deledda
CDMP3 - Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello
CDMP3 - I Malavoglia di Giovanni Verga
CD Audio DOPPIO - Venezia e' un pesce. Una guida di Tiziano Scarpa
CD Audio BOX4 - Le Avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi
CD Audio -L’uccel bel-verde e La foresta radice labirinto di Italo Calvino
CD Audio BOX4 - Il segreto del Bosco Vecchio di Dino Buzzati
CDMP3 – Cuore di Edmondo de Amicis
CDMP3 - Il giornalino di Gian Burrasca di Vamba
CDMP3 - Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll
CDMP3 - Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde
CDMP3 - Reparto n.6 di Anton Cechov
CDMP3 - Tifone di Joseph Conrad
CDMP3 - I dolori del giovane Werther di J. W. Von Goethe
CDMP3 - L'isola del tesoro di Robert Louis Stevenson
CD Audio – Zen (L'arte di essere ad una spanna da terra)
CD Audio - Il Libro Tibetano dei Morti

giovedì 14 gennaio 2010

LEGGE REGIONALE LOMBARDIA TESTO UFFICIALE DAL CONSIGLIERE REGIONALE PRINA

CIAO A TUTTI.
MI E' ARRIVATA L'EMAIL DOVE IL CONSIGLIERE REGIONALE PRINA HA MANDATO IL TESTO DELLA LEGGE SULLA DSA. E' stato approvato dalle Commissioni e la relativa discussione in aula per l’adozione della legge regionale è stata programmata per martedì prossimo. Vi terrò informati!
MARTEDI' DOVREBBERO FINIRE DI DISCUTERE INCROCIAMO LE DITA.


La Commissione “Sanità e Assistenza sociale” ha approvato all’unanimità la legge sulla dislessia “Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa).
Il progetto di promuovere e riordinare gli strumenti per la cura di questa malattia nasce nei mesi scorsi su istanza del consigliere del Pd Francesco Prina, che si è fatto carico di raccogliere le tante istanze provenienti dalle famiglie, dalle scuole, dal mondo delle associazioni e dare una risposta uniforme e concreta ad una problematica che oggi può essere superata con l’aiuto delle istituzioni.
Frutto dell’abbinamento di tre distinte proposte di iniziativa consiliare (sia di maggioranza che di opposizione), il provvedimento ha lo scopo di garantire la presenza di soggetti affetti da dislessia, disortografia e discalculia nella scuola, nel lavoro, nella formazione professionale “e in ogni altro contesto nel quale si sviluppi e si realizzi la persona”.
Tra le finalità del progetto di legge, che passerà all’esame del Consiglio Regionale per la sua approvazione definitiva martedì prossimo, quelle di promuovere la diagnosi precoce dei Dsa in stretta collaborazione con strutture sanitarie e istituzioni scolastiche pubbliche e private, famiglie e associazionismo; specifiche iniziative per la riabilitazione e l’integrazione; informazione e sensibilizzazione sulle problematiche della malattia soprattutto in scuole, centri di formazione professionale, operatori sanitari e sociali, nuclei familiari interessati.
Il testo prevede anche che la Regione garantisca pari opportunità sia nei bandi di concorso che durante le prove concorsuali per i soggetti affetti da Disturbi Specifici dell’Apprendimento, anche mediante l’utilizzo di adeguati strumenti tecnologici. Entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge verranno definiti i criteri e le modalità di erogazione dei contributi agli enti locali e alle famiglie per favorire i percorsi didattici e studi a domicilio così come alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado (pubbliche e private) e ai centri di formazione professionale per la realizzazione di specifici progetti. Intanto la Commissione Bilancio ha già stabilito lo stanziamento certo di risorse per il 2010.

mercoledì 13 gennaio 2010

ARTICOLO DEL 11.01.2010 IL GIORNALE LEGGE SULLA DISLESSIA A MILANO

Sanità, verso l'ok la legge sulla dislessia

MILANO. La commissione lombarda alla Sanità e assistenza sociale, presieduta da Pietro Macconi (An-Pdl), ha approvato all'unanimità il progetto di legge «Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento» (Dsa).
Frutto dell'abbinamento di tre distinte proposte di iniziativa consiliare (sia di maggioranza che di opposizione), il provvedimento ha lo scopo di garantire la presenza di soggetti affetti da dislessia, disortografia e discalculia nella scuola, nel lavoro, nella formazione professionale «e in ogni altro contesto nel quale si sviluppi e si realizzi la persona».
Tra le finalità del progetto di legge, che ora deve passare all'esame del Consiglio regionale per la sua approvazione definitiva, quelle di promuovere la diagnosi precoce dei Dsa in stretta collaborazione con strutture sanitarie e istituzioni scolastiche pubbliche e private, famiglie e associazionismo; specifiche iniziative per la riabilitazione e l'integrazione; informazione e sensibilizzazione sulle problematiche della malattia soprattutto in scuole, centri di formazione professionale, operatori sanitari e sociali, nuclei familiari interessati.
Il testo, infine, prevede che per i soggetti affetti da disturbi specifici di apprendimento la Regione garantisca pari opportunità sia nei bandi di concorso che durante le prove concorsuali anche mediante l'utilizzo di adeguati strumenti tecnologici. Entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge verranno definiti i criteri e le modalità di erogazione dei contributi agli enti locali e alle famiglie per favorire i percorsi didattici e studi a domicilio così come alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado (pubbliche e private) e ai centri di formazione professionale per la realizzazione di specifici progetti.

di Maria Sorbi